Esecuzione sfratto art. 605 c.p.c.

esecuzione
a cura dell'Avv. Aniello Maiese

Ottenuto il provvedimento di rilascio dell'immobile inizia la fase successiva, nella quale è ricompresa anche l'esecuzione dello sfratto. 

fattispecie dell'esecuzione per consegna o rilascio, ai sensi dell'art. 605 c.p.c.

Ai sensi dell'art. 2930 c.c. "Se non è adempiuto l'obbligo di consegnare una cosa determinata, mobile o immobile, l'avente diritto può ottenere la consegna o il rilascio forzati a norma delle disposizioni del codice di procedura civile [c.p.c. 605 ss.]".
  • Notifica titolo esecutivo e del precetto rilascio immobile, contenente l'invito a rilasciare l'abitazione entro il termine di 10 gg. (salvo diverso termine disposto nel titolo esecutivo) e la descrizione sommaria dei beni stessi. Ci si procura le copie autentiche necessarie per la notifica nei seguenti modi:

Di seguito sono indicate le diverse situazioni da affrontare, dovute alle differenze tra i diversi provvedimenti, per ottenere un titolo esecutivo munito della formula esecutiva così da poter procedere con la realizzazione del precetto e conseguente notifica:



A)ordinanza di rilascio ai sensi dell'art. 663 c.p.c., nei due casi già analizzati in cui l'intimato non sia comparso all'udienza o se comparso non si sia opposto.

  • Citazione + Ordinanza + Formula esecutiva: in questo caso, ottenuto il provvedimento, ci si reca in cancelleria per ottenere la restituzione del nostro fascicolo di parte comprensiva dell'originale dell'atto di citazione al quale verrà aggiunto l'ordinanza e la formula esecutiva;

  • Redazione Precetto per rilascio immobile: si redige l'atto di precetto seguendo i criteri previsti dalla legge, recentemente modificati dal legislatore;

  • Copie: faremo della C+(O+FE) +P tante fotocopie quanti sono gli intimati con annessa relata di notifica;

  • Ufficiale Giudiziario/Conformità + Notifica: porteremo l'originale e la copia dall'UNEP, che dichiarerà la conformità della copia all'originale provvedendo alla notifica.

B)ordinanza di rilascio ai sensi degli artt. 665 e 666 c.p.c., nel caso il cui sia stata emessa (ordinanza immediatamente esecutiva) nonostante l'opposizione dell'intimato a cui segue il mutamento del rito ai sensi dell'art 667 c.p.c. (il giudice prosegue a nelle forme del rito speciale)

  • Ordinanza: in questo caso, ci si reca in cancelleria e si chiede l'ordinanza di convalida, inserita nel verbale dell'udienza;

  • Copie: faremo dell'ordinanza tante copie quante sono gli intimati + 1;

  • Autentica e Formula esecutiva: stesso in cancelleria chiederemo l'autentica con l'inserimento della F.E.;

  • Redazione Precetto per rilascio immobile: si redige l'atto di precetto seguendo i criteri previsti dalla legge, recentemente modificati dal legislatore;

  • Ufficiale Giudiziario: ottenute le copie ci si reca dall'ufficiale giudiziario con le copie autentiche e relata e se ne chiede la notifica agli intimati. 

C) il titolo consiste in una sentenza che definisce la causa per la convalida

  • Cancelleria: chiederemo della sentenza tante copie quanti sono gli intimati +1 con l'inserimento della F.E.;

  • Redazione Precetto per rilascio immobile: si redige l'atto di precetto seguendo i criteri previsti dalla legge, recentemente modificati dal legislatore;

  • Notifica: provvederemo, con l'inserimento della relata, alla notifica della sentenza presso l'UNEP (contestualmente o meno provvederemo alla notifica anche del precetto)

  • Comunicazione ex art. 608 c.p.c: l'art. 608 c.p.c. recita che "l'esecuzione inizia con la notifica dell'avviso con cui l'ufficiale giudiziario comunica almeno 10 giorni prima alla parte, che è tenuta a rilasciare l'immobile, il giorno e l'ora in cui provvederà".



Completata questa fase sarà necessario predisporre il Preavviso di Rilascio ai sensi dell’art 608 c.p.c.



  • Redigere avviso ex art. 608 c.p.c., a sinistra troverete un esempio;

  • Notifica: recarsi dall'Ufficiale Giudiziario e provvedere alla notifica;

  • Deposito Titolo Esecutivo: l'avviso allegato all'atto di citazione, comprensivo di ordinanza, formula esecutiva (e precetto) si porterà all'UNEP qualche giorno prima della data prevista nell'avviso per il rilascio;



Primo accesso: alla data indicata nell'avviso l'ufficiale giudiziario si recherà sul luogo dell'esecuzione con quanto depositato (T.E e precetto) ed immetterà la parte istante o una persona da lei designata nel possesso dell'immobile;

N.B. Non è così facile e lineare realizzare, o meglio, mettere in esecuzione uno sfratto, molto dipenderà dalla vostra fermezza, ma ancor più dalle reali intenzioni dell'Ufficiale Giudiziario.
Tuttavia, in caso di rinvio si consiglia di battersi per uno breve con la richiesta di forza pubblica.
Ad ogni nuovo accesso dovrete ridepositare l'atto con ulteriore aggravio di spese.

modello richiesta forza pubblica da consegnare all'UNEP disgiunto dall'atto che si rideposita a seguito del nuovo accesso. L'Ufficiale Giudiziario incaricato provvederà alla comunicazione alle autorità competenti.



Nessun commento: